Idea risparmio: ristrutturare una cucina sostituendo il top

Il top di una cucina, più di qualsiasi altra parte, è certamente sottoposto a usura nel tempo. Non solo: traslochi, ristrutturazioni di ambienti o semplici idee di cambiamento in cucina sono complicate o ostacolate dalla sistemazione del top esistente. Un lavoro che dovrebbe essere demandato a personale esperto e spesso con risultati non soddisfacenti.

E’ questa la ragione per cui ci viene sempre più richiesto, da parte di tanti clienti, di intervenire attraverso il rifacimento nuovo del top per dare nuova vita alla propria cucina. Una soluzione ideale per il cliente perché, da un lato, si può ringiovanire la cucina nonché soddisfare in pieno le esigenze di cambiamento e, dall’altro, si possono contenere dei costi entro margini ragionevoli.

La pietra acrilica, con le proprie caratteristiche di versatilità e plasmabilità, rappresenta il materiale ideale per questo tipo di lavoro. E richiede un impiego di tempo ideale: in pochi giorni si fanno i rilievi, si realizza il top con gli elettrodomestici esistenti e si installa adattandolo alle nuove esigenze.

La nostra azienda si è ormai specializzata in questo tipo di interventi. Quindi, se avete in mente qualche cambiamento in cucina, contattateci. Discuteremo insieme quale soluzione sia la migliore per voi.


Salina: massimo sfruttamento dello spazio in un unico arredo

living-kitchen

In una società sempre più attenta all’impatto che la nostra vita ha sull’ambiente e, allo stesso tempo, in cui l’urbanizzazione è sempre più intensa, i piccoli appartamenti costituiscono la maggior parte delle abitazioni in cui ci troviamo a vivere e che abbiamo la necessità di sfruttare nel migliore dei modi. L’arredo Salina nasce per rispondere a queste necessità, con le sue linee pulite e i volumi compatti entra nei nostri monolocali, portando al suo interno molto più di quanto si possa notare a prima vista.

13_ld

Frutto di un attento equilibrio tra ingegno e creatività, ci permette di ritrovare in una singola stanza un ambiente completo e multiuso composto da: cucina, living, zona relax e zona notte.

3_ld

Collocato al centro della stanza, o lungo una delle sue pareti, l’arredo multifunzionale presenta vani e cassetti in cui deporre i propri oggetti, un divano su cui riposarsi o accogliere gli ospiti, piani di lavoro estraibili ed elettrodomestici a scomparsa di ultima generazione per preparare gustose ricette, tavoli telescopici su cui poter allestire cene in compagnia animate anche dal sistema audio integrato di casse con sistema bluetooth grazie al quale godere della propria musica preferita, ed infine, quando arriva la sera, un comodo letto estraibile che per tutta la giornata è rimasto lì, in attesa, all’interno della struttura.

11_ld

Salina riesce a soddisfare i bisogni del vivere quotidiano perché si adatta e si modifica al bisogno, conservando sempre il suo aspetto raffinato e contemporaneo.

Il progetto è stato presentato in anteprima durante l’IMM Colonia, nella sezione Living Kitchen 2017 suscitando molta curiosità e interesse da parte degli operatori del settore.

Per richiesta info e prezzi: info@artemarredi.it

8_ld


ALbero TOrtile | Bright: la lampada made in Sicily

1292815_1030574896954544_8166825284636647989_o

Lampada, produzione “art-industriale”: un oggetto che lega la tradizione artigianale nell’assemblaggio all’innovazione industriale nella lavorazione.

ALbero TOrtile | Bright è un albero luminoso, che permea luce dai suoi “rami tortili”.

11709512_1626900704216659_1566030252471599270_n 11695812_1027207377291296_7851053376285869648_n

AL.TO nasce come oggetto di arredo urbano, ideato con materiali naturali, sostenibili e riciclabili quale il legno, ora in versione “bright”, una lampada da terra.

Un susseguirsi di sezioni quadrate che in sequenza “aurea” si ripetono ritmicamente, ruotano attorno al centro e si restringono sino a raggiungere la sommità.

LOGOWEB12

La lampada, prodotta in diversi materiali e dimensioni, è frutto di un processo progettuale e produttivo certificato MUN (Marchio Unico Nazionale | Certificazione Volontaria di Conformità d’Origine e Tipicità Italiana): ciò significa che l’ALbero TOrtile | Bright risponde a tutti quelli che sono i criteri e i requisiti che permettono di definire l’oggetto dal Design 100% Made in Italy in tutte le sue fasi, dall’ideazione sino alla produzione e commercializzazione.

Per questo ALbero TOrtile | Bright è LA lampada, e non UNA lampada, made in Sicily!!!


Designer: Arch. Antonella Caponnetto

Production Designer: Artema

Premi: 

AL.TO | Bright – Premiato concorso “Design, What’s up?” 2015 | Messina

AL.TO- Premio vincitore concorso “Tree-ciclo: un albero di soli buoni frutti” _ Siracusa

Sito Web: ALbero TOrtile


La cucina che rinasce

Se pensate che la vostra cucina senta ormai il peso degli anni, c’è una soluzione pratica ed economica per ringiovanirla: sostituire il vecchio top con uno in pietra acrilica.

Si sa che la cucina è uno degli ambienti più vissuti della casa. Ogni famiglia ha potuto verificare, al momento dell’acquisto, quali e quante scelte vanno fatte per renderla comoda, bella e soprattutto funzionale rispetto alle proprie esigenze. Ma si sa, dopo tanti anni anche le migliori scelte possono sentire il peso degli anni.

C’è un elemento che, più di tutti, ha un impatto maggiore sulla qualità percepita e sulla durata della vostra cucina: è il top.

IMG-20150722-WA0009

Allora, in un momento difficile, in cui l’investimento per una nuova cucina risulta pesante per i bilanci familiari, si può ottenere un ottimo risultato sostituendo il vecchio piano di lavoro in laminato con uno in pietra acrilica, magari con lavello integrato.

Il risultato è garantito: igiene e bellezza la faranno risorgere e l’investimento sarà contenuto. E’ il caso di questi nostri clienti che, approfittando di un trasloco, hanno deciso di rifare il piano di lavoro. Il risultato giudicatelo voi.

?

IMG-20150722-WA0005


Architetto? Artigiano? Il 16 aprile vieni a scoprire la pietra acrilica!

Open House per artigiani e progettisti sulla pietra acrilica

Giovedì 16 aprile si svolgerà una demo di un paio di ore sulla lavorazione della pietra acrilica presso il laboratorio Artema a Paternò, in Contrada Monafria. L’Open House è organizzato in collaborazione con la “Betacryl” (produttore di pietra acrilica) e il rivenditore siciliano del prodotto “Etnalegno”.

i-colori-della-pietra-acrilica-betacryl03

La demo si svolgerà in due momenti: il primo, che si terrà la mattina, è rivolto esclusivamente agli artigiani che vogliono intraprendere o conoscere meglio le tecniche di lavorazione della pietra acrilica.

Il secondo momento invece si svolgerà nel pomeriggio e sarà rivolto a tutti i progettisti e architetti che vorrebbero impiegare questo materiale all’interno dei loro progetti.

In entrambi i momenti verranno illustrate le tecniche di lavorazione, le finiture che è possibile ottenere e una dimostrazione di saldatura e termoformatura.

Il workshop è totalmente gratuito. Per partecipare è necessario prenotarsi al numero 095.9899630 o mandare una e-mail con i propri recapiti all’indirizzo info@artemarredi.it o compilare il seguente form

Non mancate!

Ecco una pianta per raggiungerci:

Mappa Stradale c


Sfruttamento al centimetro degli spazi: cucina e zona giorno in piena armonia

Porta la firma dell’Arch. Giuseppe Mirenda la cucina realizzata da Artema per un’abitazione privata a San Pietro Clarenza (CT). La separazione tra la zona cucina e la zona soggiorno è caratterizzata da una vetrata con porta scorrevole (sempre in vetro) che si incastona e si nasconde all’interno del mobile contenitore.

9489548b68c5048137c1640f65664e93

Il piano della cucina è stato realizzato in pietra acrilica Betacryl ed ha il lavello integrato. Le ante del mobile contenitore sono nobilitate con una foglia di rovere americano su una struttura in grigio antracite.

3ec72cc2a559ed11264238c6e8bc72de

a7af59f175fffb408dd6433237d13c7c


Le linee che spariscono

Si dice spesso che uno dei vantaggi dell’applicazione della pietra acrilica (solid surface) rispetto ad altri materiali consista nella sparizione della linee di giunzione. In effetti, l’esempio calzante è proprio quello di una cucina ad angolo. Avete presente quelle giunzioni presenti nei piani in marmo (o in okite/quarzite) nelle cucine ad angolo? Con l’impiego della pietra acrilica quella linea diventa impercettibile.

Cucina ad angolo

Saldatura di cucina ad angolo

La sparizione della linea tuttavia non è una mera questione estetica. Risolve allo stesso tempo l’atavico problema della pulizia evitando che in quella linea si annidi col passar del tempo lo sporco difficile da eliminare. Una facilitazione di cui spesso, al momento della scelta del piano della propria cucina, non si tiene conto.

Il procedimento della saldatura richiede poi poco tempo per il personale qualificato e con le attrezzature giuste. Una buona riuscita della saldatura dipende proprio anche da questo.

Il risultato finale

Il risultato finale


La forza del brand o quella del prodotto?

Build-Your-Brand

Un confronto (senza esito!) tra i “solid surface”.

Spesso ci viene chiesto dai clienti quale sia, fra quelle presenti oggi sul mercato, la pietra acrilica (o solid surface) “migliore”.

E’ una domanda legittima a cui però non è facile dare risposte, perché la tentazione è quella di rispondere sulla base di impressioni personali o in base alle politiche commerciali dei vari produttori e distributori. Ma alcune considerazioni, da azienda che trasforma questo materiale in prodotto finito (e che ha la libertà di rispondere, dato che non ha contratti con nessun produttore…), si possono avanzare. Con alcune doverose premesse.

Innanzitutto la nostra azienda non ha lavorato tutte le pietre acriliche esistenti, ma solo un esiguo (seppure significativo) numero. Il motivo è semplice: alcuni di questi prodotti sono difficili o impossibili da reperire per una microimpresa del profondo sud che opera nella Sicilia orientale. Ci sono “solid surface” di cui noi stessi ignoriamo l’esistenza, nonostante ci sforziamo di partecipare alle fiere più importanti nel settore dell’arredo e del design. Una comparazione per noi è possibile farla solo tra prodotti che abbiamo lavorato: Corian della Dupont, Hi-Macs della LG, Hanex della Sadun, Staron della Samsung, Pral della Abet e Betacryl della BTS.

La seconda considerazione, dato che non siamo un laboratorio di ricerca universitario ma viviamo dentro al mercato con le sfide che oggi presenta, é che non possiamo rimanere indifferenti alle scelte commerciali che i produttori/distributori fanno. Alcune di queste aziende nel corso degli anni hanno profondamento modificato il loro approccio al mercato: hanno scelto, per esempio, di rivolgersi come target non ai piccoli trasformatori, ma alle grandi aziende produttrici di cucine. Lo testimonia il fatto che hanno imposto alle piccole aziende delle minime quantità di ordine difficili da digerire (specie per colori non standard) scoraggiandole di fatto ad acquistare: un’azienda fra quelle citate, su un colore diverso dal bianco, impone per le colle (indispensabili per la lavorazione) l’acquisto di ben 16 tubetti di cui un piccolo produttore non se ne fa nulla! Sono scelte legittime, ma che non possono non influire sulle opzioni del cliente finale. Noi stessi, nel presentare il prodotto ad un potenziale cliente, lo distogliamo dalla scelta di una determinata marca per l’impossibilità di reperire facilmente il materiale, a meno di non influire sul preventivo con costi esagerati o tempi lunghissimi di consegna perdendo di fatto cliente e lavoro.

Poi c’è la questione “cataloghi”. Molte aziende si vantano di avere un’infinità di colori e finiture e spendono fior di quattrini per realizzare bellissime valigette di presentazione. Salvo poi rendere impossibile il reperimento delle stesse: spesso su colori particolari ci siamo sentiti rispondere dai fornitori che non vi erano lastre con quella finitura in Italia, forse in Belgio, altrimenti bisognava attendere che arrivassero dagli Stati Uniti…

Un fattore invece decisivo ai fini della scelta del prodotto riguarda i lavelli. E in questo ambito c’è un’azienda che spicca su tutte: la BTS con il Betacryl. La loro offerta di lavelli in pronta consegna è davvero vasta per forme, dimensioni e colori. Sia che si tratti di lavelli per la cucina o per il bagno, che per lavelli integrati o di appoggio, o persino per vasche da bagno e monoliti. La loro scelta di investire sui lavelli (anziché su colori e finiture delle lastre) è strategica: è chiaro che se una scelta ricade su un lavello questa condiziona anche la lastra.

Altra considerazione importante: il prezzo. Inutile dire che vi sono materiali più costosi perché il brand tira parecchio. E’ l’esempio del Corian della Dupont che, essendo stata la prima a presentare questo materiale, è stata brava nell’identificare il naming del prodotto col prodotto stesso. Un pò quello che è avvenuto per la Coca Cola o la Nutella. Ma anche l’Hi-Macs della LG o lo Staron della Samsung si piazzano ad un prezzo un pò più alto, facendo leva sulla bella presentazione e sui tanti progetti messi in campo in questi anni (è sufficiente visitare il loro sito). Un buon rapporto qualità/prezzo è quello offerto dalla BTS con il Betacryl, mentre il più vantaggioso è il Pral della Abet che ha un costo molto competitivo.

In relazione alle qualità intrinseche del prodotto, alla loro lavorabilità, all’aspetto e alla resa finale, la nostra azienda (mettetevi il cuore in pace) non ha rilevato grosse differenze sostanziali. In termini di durata nel tempo, fino ad oggi non vi è stato mai un cliente che ci ha richiamato per segnalare anomalie per nessuna delle pietre acriliche utilizzate (qualche tempo fa c’era qualcuno che sosteneva che per uno di questi prodotti, col passar del tempo, la giunzione con la colla sarebbe diventata gialla…). Forse ci potrà essere una composizione differente in termini percentuali tra la parte acrilica e quella mineraria che rende la superficie più o meno resistente alla levigatura o che potrà impattare alla vista in modo leggermente diverso. Ma è una differenza che si rileva solo in fase di lavorazione e non a prodotto finito, levigato e pulito.

Ci sarà qualcuno di voi sostenitore della supremazia del Corian. O dell’Hi-Macs. Ora, non è nostra intenzione insinuare dubbi su questo tipo di certezze granitiche. Ma permetteteci di raccontare per concludere un aneddoto un pò divertente. Tempo fa si presentò in azienda un architetto (quindi un tecnico) per un lavoro, convinto assertore della superiorità indiscutibile del Corian. Nonostante teniamo in azienda spezzoni di vari materiali, in virtù di questa sua convinzione, gli presentammo campioni appartenenti tutti allo stesso prodotto per fare una finta comparazione tra essi, tutti di colore bianco. Mentendo spudoratamente, gli indicammo che il campione Corian fosse quello più satinato (in realtà per via di un trattamento diverso in fase di levigatura). Non solo esclamò che aveva riconosciuto il Corian immediatamente, ma che si evinceva in modo palese (al tatto e alla vista) la superiorità di quel campione rispetto agli altri. Non abbiamo mai avuto il coraggio di dirgli che quel campione non era Corian. Credo viva ancora con questa convinzione. Forza pazzesca del culto del brand!